Pagina Attualità

Luigi Massa - "Politica non sia guerriglia mediatica"

Luigi Massa"La politica ridotta solo a quotidiana guerriglia mediatica non serve a nessuno. Gli eventi internazionali e nazionali degli ultimi mesi, che ci hanno catapultato su un pericolosissimo crinale di populismo, nazionalismo e qualunquismo, sembra non abbiano insegnato nulla.

Ad ogni livello, si assiste ad una politica spregiudicata solo nell'uso strumentale dei media, che spesso ne sono complici, piuttosto che nella risoluzione dei problemi quotidiani dei cittadini.

La comunicazione sembra ormai intesa solo come marketing e non più come mezzo di doverosa trasparenza sull'azione politica.

Che si ricoprano responsabilità di governo o di opposizione, pare che ogni energia e sforzo siano orientati più ad affermare un'immagine o una visione della realtà piegate al proprio interesse del momento che, invece, a dare conto di azioni, fatti e risultati.

Una inutile e vuota battaglia combattuta tra post, tweet e comunicati, spesso mal concepiti e peggio scritti, che segna sempre di più ladistanza tra la politica e il vissuto delle persone.

Serve altro. Serve un cambio di passo forte, coraggioso, radicale. Serve impegnarsi per una politica che sappia recuperare visione e concretezza. Servono persone davvero libere che vogliano farsi carico del futuro. Non del proprio, ma di quello delle nuove generazioni. Quello dei propri figli e dei propri nipoti. Serve non arrendersi.

E, per questo, serve, paradossalmente, più Politica. Quella tra la gente e i suoi problemi. I problemi veri non quelli "virtuali".

L'auspicio è che presto, molto presto, questa Politica batta un colpo. E sia un colpo d'ala. Non un colpo a salve".