Pagina Attualità

Morte Fortuna Loffredo, il compagno di cella di Caputo: "Titò confessò di aver ucciso la bambina"

Fortuna loffredo CaivanoMario Della Valle, compagno di cella per cinque mesi nel carcere di Poggioreale di Antonio Caputo, detto Titò, ha raccontato in aula durante il processo per la morte della piccola Fortuna Loffredo, le confidenze che avrebbe ricevuto in carcere dall'imputato.

Questo è quanto Della Valle, che è detenuto anch'egli per abusi su minori e per tale reato è stato condannato a 20 anni in appello, ha dichiarato:"In cella Caputo ha raccontato di aver abusato delle figlie della compagna e di aver abusato e ucciso Fortuna Loffredo. Sull'omicidio non gli abbiamo creduto finché non è arrivata l'ordinanza, a quel punto l'ho picchiato."

 

L'uomo ha testimoniato in aula rispondendo alle domande dei giudici della V sezione della Corte di Assise, presieduta da Alfonso Barbarano, giudice a latere Annalisa De Tollis.
 Secondo quanto raccontato da Della Valle, Titò avrebbe abusato della bambina durante una festa di carnevale, e sarebbe l'autore del delitto, "Caputo la fece prima precipitare dalle scale e poi la lanciò da un finestrone al terzo piano".

Nello stesso processo che vede imputato Caputo, per omicidio volontario e abusi su minori, e imputata anche l'ex compagna Marianna Fabozzi, accusata di aver coperto le violenze di Caputo sulle figlie. Della Valle, riferendo ai giudici quanto  avrebbe raccontato Titò in cella, ha detto che "Caputo e Fabozzi si coprivano a vicenda. Lei copriva lui sugli abusi alle figlie perché lui a sua volta taceva sulla morte del piccolo Antonio Giglio, figlio della Fabozzi e da lei buttato dalla finestra, cosa che lui sapeva".

La morte del piccolo Antonio, avvenuta circa un anno prima di quella di Fortuna e inizialmente ritenuta una tragedia accidentale, è al momento oggetto di indagini da parte della Procura di Napoli.

Intanto, l'avvocato di Caputo, Paolino Bonavita, ha chiesto l'acquisizione da parte della Procura di due "memoriali" redatti dal teste "affinché si indaghi per falsa testimonianza".

FORTUNA LOFFREDO: BUSTA CON PROIETTILI E MINACCE AL GIUDICE DEL PROCESSO PER LA MORTE DELLA BIMBA DI CAIVANOMORTE FORTUNA. CAPUTO AMMETTE ABUSI SULL'AMICHETTA DELLA VITTIMA E ACCUSA L'EX DELL'OMICIDIO